Logo FLC CGIL

Draghi: confermata la strategicità dei settori della conoscenza. Ora confronto con le parti sociali

Delle dichiarazioni programmatiche del presidente del Consiglio Draghi abbiamo apprezzato l’approccio al tema dell’ambiente e alle sue connessioni con il progresso e il benessere sociale. Questa è la vera priorità.

La denuncia delle tragedie naturali come risposta della terra al maltrattamento degli uomini, citando le significative parole di Papa Francesco, la necessità di affrontare la sfida per la realizzazione di un futuro in cui al centro ci sia l’ecosistema e che dovrà vedere convergere digitalizzazione, agricoltura, salute, energia, aerospazio, cloud computing, scuole ed educazione, protezione dei territori, biodiversità, riscaldamento globale ed effetto serra, fanno riferimento ad una visione che ci appartiene.

In più punti il Presidente del Consiglio ha citato specificatamente i settori della conoscenza.

Continua a leggere la notizia.

Cordialmente
FLC CGIL nazionale

In evidenza

Patrizio Bianchi nuovo Ministro dell’Istruzione: auguri di buon lavoro ma attendiamo scelte concrete

Cristina Messa, Ministra di Università, Ricerca e AFAM. Auguri di buon lavoro ma necessari grandi investimenti, una governance nazionale e la centralità del sistema pubblico

Sergio Staino presenta “Storia sentimentale del PCI”. Appuntamento il 24 febbraio

Articolo 33 di gennaio/febbraio: è tempo di un mondo nuovo

Coronavirus COVID-19: ultimi aggiornamenti

Notizie scuola

Vincolo quinquennale di permanenza nella sede di prima assegnazione: per la FLC CGIL va eliminato

Graduatorie ATA terza fascia: il parere del CSPI

Graduatorie ATA terza fascia: chi può fare domanda

Speciale graduatorie ATA terza fascia 2021/2023

Sistema Nazionale di Valutazione: tutto da rifare!

Precari scuola, una delegazione ricevuta al Ministero dell’Istruzione

Parere del CSPI sullo schema di decreto per la costituzione degli elenchi aggiuntivi alle GPS

TFA sostegno V Ciclo: il tirocinio diretto potrà durare meno di 5 mesi, confermata la conclusione dei corsi entro il 16 luglio

Formazione professionale: richiesto un nuovo incontro alla Commissione della Conferenza delle Regioni

Scuole italiane all’estero: presentati i bandi

Scuole italiane all’estero: sindacati convocati per l’informativa sui prossimi bandi

Guida alla registrazione alle “Istanze online”

Notizie AFAM e univerità

AFAM: incontro al Ministero su contrattazione integrativa nazionale ed attuazione della legge di bilancio 2021

Brunetta alla pubblica amministrazione, i fatti sono chiari: scelta negativa e incomprensibile

Sulle priorità dell’Università, nel Piano nazionale di ripresa e resilienza e non solo…

Università Roma Tor Vergata: proseguono gli “incontri tecnici”

Cassazione: agli infermieri che prestano servizio in festivi infrasettimanali spetta il pagamento dello straordinario

Concorsi università

Notizie ricerca

I precari della ricerca

CNR: concorso per dirigenti di ricerca, il tribunale di Napoli accoglie il reclamo proposto da una lavoratrice

CNR: il Mur nomina i componenti del CdA

ISTAT: incontro con la mobility manager

ISTAT: nuovo confronto su articolo 15 e 22

Concorsi ricerca

Altre notizie di interesse

Scegli di esserci: iscriviti alla FLC CGIL

Servizi assicurativi per iscritti e RSU FLC CGIL

Feed Rss sito www.flcgil.it

Vuoi ricevere gratuitamente il Giornale della effelleci? Clicca qui

NEWS LETTER ANIEF VENETO MESE DI FEBBRAIO

 

USB Scuola - Sciopero: diritto scippato. Webinar 28 gennaio ore 17

 

Assemblea sindacale fuori dall'orario di lavoro

 

Richiesta assemblea sindacale di istituto in orario di servizio.
Le scriventi OOS, ai sensi dell’art. 23 del CCNL vigente, comunicano alla S.V. di convocare per il
giorno mercoledì 27 gennaio 2021 dalle 11:20 alle 13:10, una assemblea sindacale in orario di servizio
in videoconferenza per il personale docente, con il seguente ODG:

1. Contrattazione integrativa 2020/21
2. Analisi criticità DAD-DID

 

 

Logo FLC CGIL

Riaperture scuole: basta caos!
Il governo si assuma le proprie responsabilità
prima che la situazione precipiti

Il caos istituzionale e organizzativo sulla riapertura delle attività didattiche nelle scuole aggravato dai venti di crisi del governo in carica, non è più tollerabile.

Constatiamo che la richiesta di interventi decisi su trasporti e sanità territoriale non ha prodotto conseguenti misure. Si naviga su tutto a vista, ma una vista brevissima. Si cambiamo provvedimenti nazionali quasi giorno per giorno, si moltiplicano le ordinanze regionali, i prefetti assumono decisioni che mettono in discussione l’autonomia scolastica, mentre aumentano a dismisura anche le ordinanze dei sindaci.
Quanto sta avvenendo sui territori sommato all’incapacità di coordinamento del governo sta conducendo verso concrete forme di autonomia differenziata, di cui la scuola a la carte praticata in Puglia è attualmente l’esempio più eclatante, che la FLC CGIL considera il pericolo più grave per l’unità del nostro Paese e per il nostro sistema di istruzione.

Le scelte politiche sulla scuola sono entrate ormai nel tritacarne della crisi di governo e antepongono alle attività educative finalizzate crescita umana e culturale di bambine e bambini, ragazze e ragazzi, l’apertura di quasi tutte le attività economiche.

Il tutto si scarica sulle scuole creando un contesto di profondo disorientamento tra tutti i lavoratori e tra le famiglie, mentre aumentano le situazioni di grave conflittualità.

L’apertura delle attività in presenza non è un orpello ideologico o un oggetto di scambio politico, ma il risultato di precise scelte politiche ed organizzative in primo luogo a livello nazionale. Le scelte sul rinvio dell’apertura delle attività didattiche erano e devono essere del governo. Non si può modificare ogni quattro giorni l’organizzazione didattica per ragioni di posizionamento politico.

Per questo chiediamo che il governo, a fronte del fallimento delle misure che andavano adottate, si assuma la responsabilità del rinvio dell’apertura delle attività didattiche in presenza. Si riporti il confronto a livello territoriale coinvolgendo le scuole. Si faccia chiarezza sui dati o si dica che non è possibile farlo. Si anticipi il rischio della terza ondata su infanzia e primaria rafforzando da subito i protocolli di sicurezza sottoscritti con i sindacati. Non si deleghi più nulla alle Regioni a causa dell’incapacità del governo a decidere. Il governo si concentri sui vaccini e sulla costruzione di dati veri sulla diffusione della pandemia nelle scuole, se vuole che le istituzioni scolastiche riaprano davvero.

Venga valorizzata l’autonomia delle singole istituzioni scolastiche, ciò significa attribuire alle scuole la massima facoltà di scaglionare ingressi/uscite e di decidere la riduzione fino all’azzeramento, sia pure temporaneo, della frequenza di alunne e alunni in presenza, a causa della pandemia in corso.

La confusione in atto sta alimentando pericolose derive demagogiche facilmente manipolabili da forze sovraniste e populiste. Non si può andare oltre.

In mancanza di risposte credibili e in tempi brevi la FLC CGIL metterà in campo tutte le iniziative di mobilitazione consentite dalla situazione che stiamo vivendo.

Iscriviti alla FLC CGIL

In evidenza

Iscrizioni scuola 2021/2022: al via le domande. Schede di approfondimento

Stipendi personale a tempo determinato aggiuntivo: a breve il pagamento

Riduzione del cuneo fiscale: emanato il decreto “correttivo”

Coronavirus COVID-19: ultimi aggiornamenti

Notizie scuola

Emergenza coronavirus: nuove disposizioni per le attività scolastiche dal 7 al 16 gennaio

Riapertura scuole: serve una strategia. CGIL e FLC chiedono incontro ai ministri Azzolina e Speranza

La ripartenza: non è la scuola a essere nel caos ma l’amministrazione e il funzionamento dello Stato

Scuola: CGIL e FLC, riapertura deve essere in presenza e in sicurezza, Governo ci convochi

Personale ATA: la nota di chiarimento del Ministero in applicazione delle recenti normative

Personale ATA ex LSU: nota d’integrazione del Ministero in applicazione della norma sulla trasformazione dei contratti part-time

Personale ATA ex LSU: rinvio al 1° marzo della seconda fase assunzionale e proroga delle supplenze dei collaboratori scolastici fino al 28 febbraio 2021

Dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione una lettera alla Ministra Azzolina

Correzione prove concorso straordinario: il Ministero dell’Istruzione dà indicazioni per la correzione in modalità telematica

Titoli di accesso alle classi di concorso: importanti aggiornamenti all’applicazione

Scuole italiane all’estero: con la Legge di Bilancio 2021 cambiano di nuovo le responsabilità

Proteo Fare Sapere, Mce, Cidi e Aimc: cambiamo la valutazione dell’apprendimento

Altre notizie di interesse

Conoscenda 2021: gli infiniti volti della natura

Articolo 33 di novembre/dicembre: il mondo salvato dalle donne?

Scegli di esserci: iscriviti alla FLC CGIL

Servizi assicurativi per iscritti e RSU FLC CGIL

Feed Rss sito www.flcgil.it

Vuoi ricevere gratuitamente il Giornale della effelleci? Clicca qui

SCUOLA in Veneto, ovvero la Cenerentola delle priorità!

 

Legge di bilancio, decreto “milleproroghe”
e decreti “ristori”

Legge di bilanciodecreto legge milleproroghe e (super) decreto ristori, sono questi i principali provvedimenti normativi con i quali si è concluso il 2020.

In Gazzetta Ufficiale è stata pubblicata la legge 178 del 30 dicembre 2020 (legge di bilancio 2021 e bilancio pluriennale 2021-2023). Si tratta di un provvedimento deludente in termini di risorse messe in campo, di interventi nell’immediato o in prospettiva, di visione riformatrice dei sistemi della conoscenza. Abbondano interventi settoriali che sono ben lontani dal delineare un reale e significativo cambio di rotta rispetto alle scelte politiche degli ultimi anni sui settori della conoscenza.
Leggi la notizia e scarica le schede di lettura.

Il 31 dicembre 2020, invece, è entrato in vigore il decreto legge 183 del 31 dicembre 2020 cosiddetto decreto “milleproroghe”. Oltre alle consuete proroghe di fine anno, sono presenti numerose disposizioni relative a norme connesse all’emergenza epidemiologica in atto.
Sul nostro sito le norme più rilevanti per i settori della conoscenza.
Leggi la notizia.

Infine, il 25 dicembre è entrata in vigore la legge 176/20 di conversione del decreto legge 137/20 (il primo dei decreti “ristori”). In sede di conversione in legge, il Parlamento ha fatto confluire in quest’ultimo provvedimento anche la gran parte delle norme previste dai tre analoghi decreti legge adottati dal Governo Conte (DL 149/20DL 154/20 e DL 157/20).
Sul nostro sito la sintesi delle disposizioni che riguardano i settori della conoscenza.
Leggi la notizia.